Zes unica Mezzogiorno: assunzioni agevolate, ecco le condizioni

Esoneri contributivi per le assunzioni di disoccupati over 35: al via le agevolazioni per i datori di lavoro privati (sia societari che altro). Le agevolazioni sono previste per i datori di lavoro che assumono disoccupati over 35 secondo quanto si legge nel decreto Coesione (art.4). Il decreto è in iter di conversione parlamentare.

Le regioni interessate sono la Sicilia, la Sardegna, la Calabria, la Puglia. E poi il Molise e l’Abruzzo, la Basilicata e la Campania.

Chi risiede in queste zone potrà usufruire per due anni di una esenzione contributiva del 100% fino a alla soglia di 650 euro al mese. Non rientrano nell’agevolazione i premi e i contributi dovuti INAIL. 

Requisito obbligatorio per il dipendente, l’essere stato disoccupato per i precedenti 24 mesi.

Il nuovo contratto di lavoro deve essere subordinato e a tempo indeterminato, e stipulato tra il primo settembre 2024 e il 31 dicembre 2025.

Il decreto Coesione prevede che l’azienda abbia massimo 10 dipendenti e che “nei 6 mesi precedenti la nuova assunzione non abbia proceduto a licenziamenti per giustificato motivo oggettivo”. 

L’esonero riguarda anche coloro che “alla data dell’assunzione incentivata sono stati occupati a tempo indeterminato alle dipendenze di un diverso datore di lavoro che ha beneficiato parzialmente dell’esonero”.

Le agevolazioni rientrano nei limiti della spesa autorizzata e dei vincoli territoriali.

L’articolo Zes unica Mezzogiorno: assunzioni agevolate, ecco le condizioni sembra essere il primo su 7Grammilavoro.

Lascia un commento

Torna in alto