Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento 

In malattia di giorno e al lavoro di sera. La Cassazione conferma il licenziamento. Con l’ordinanza n. 1472 del 15 gennaio scorso la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di licenziamento di una lavoratrice dal doppio comportamento: durante le ore serali in un locale le ad accogliere e servire i clienti, di giorno assente dal lavoro perché affetta da “lombalgia acuta”.

A seguito delle considerazioni medico legali, la condotta del dipendente in malattia che si pone in contrasto con i doveri di cura e di guarigione è in grado di ledere in modo grave il vincolo fiduciario con il proprio datore di lavoro. Una dimostrazione di scarsa correttezza e buona fede nell’esecuzione del rapporto.

Imprudenza del lavoratore assente per malattia: legittimo il licenziamento

Secondo la Corte, il lavoratore deve astenersi da comportamenti che possono ledere l’interesse del datore di lavoro alla corretta esecuzione della prestazione lavorativa. 

La dipendente si è dimostrata gravemente negligente nella scelta di non optare per il riposo.

Svolgere un’attività durante il periodo di assenza dal lavoro per malattia, costituisce illecito di pericolo e non di danno: sussiste non soltanto se quell’attività abbia effettivamente provocato un’impossibilità temporanea di ripresa del lavoro anche quando la ripresa sia stata posta in pericolo, con comportamenti  imprudenti.

L’articolo Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento  sembra essere il primo su 7Grammilavoro.

Scroll to Top